ROBERTO MASI PHOTOS

SE LA VITA E' UNA SCENA

date » 16-10-2020 11:52

permalink » url

Dall'articolo di Michele Smargiassi:
"... Perché Scene è un progetto a lungo termine di Majoli, fotografo italiano di Magnum, un progetto che ha fatto molto discutere perché sfida il confine tra reportage e fiction, quel confine di ferro che i fotoreporter dicono solitamente di non aver mai attraversato.

Lui invece rivendica di averlo fatto. Di aver cominciato a fotografare “la teatralità della vita”. Nel sito di Magnum lo spiega così: “Mi son detto, cosa succede se monto delle luci, degli strobe potenti, attorno a persone che stanno facendo qualcosa di normale, che so, prendere un caffè, fare la spesa, seguire un funerale?”

Che la scena della strada diventa la scena di un teatro. Appunto."

LINK

___Alex_Majoli_Magnum_Photos_01_MAIN.jpg

LA TRAPPOLA DEL PAESAGGIO FOTOGRAFATO DI MICHELE SMARGIASSI

date » 04-07-2020 15:47

permalink » url

"Ma allora, se il paesaggio, come da definizione sopra, è solo quello "contemplato, apprezzato, descritto", ovvero costituito in immagine da chi ha il potere di farlo, forse la sfida del fotografo non subalterno potrebbe essere questa, raccontare lo spazio che il potere ha dimenticato o non aveva interesse o non è riuscito a costituire in paesaggio."

LINK

Guido Guidi, via delle Industrie, Porto Marghera, 1989. © Guido Guidi

Photopaysage_Guidi_02.jpg

COVID 19 The Epicenter A week inside New York's public hospitals.

date » 20-04-2020 21:33

permalink » url

New York used to be a city filled with stories. Today it is a city with a single story: its hospitals. The city’s theaters, bars and restaurants may be dark, its streets silent. But its public hospitals are teeming. They
are what is left when New York is disrobed, when everything else is stripped away.
LINK

Schermata_2020_04_20_alle_21.31.52.png

World Press Photo of the Year 2020

date » 20-04-2020 21:25

permalink » url

A vincere è stato Yasuyoshi Chiba (che collabora con Agence France-Presse) che ha realizzato la migliore fotografia, dal titolo di Straight Voice, aggiudicandosi così il premio di World Press Photo of the Year 2020. La fotografia ritrae un ragazzo circondato da altre persone che lo illuminano con i led dei cellulari. Il ragazzo sta recitando poesie durante una delle proteste Khartum (Sudan).
LINK

world_press_photo_2020_camera_6002.jpg

L'ARTE ROTTA DI CHRISTIAN CALIANDRO

date » 24-03-2020 15:09

permalink » url

"Sono convinto che non sia una realtà scadente a produrre un’arte scadente, ma piuttosto che sia vero il contrario: se un Paese e una comunità producono arte e cultura scadenti, ciò non potrà che riflettersi in parecchi modi sulla realtà circostante. L’immaginario è in effetti molto più potente di quanto oggi si creda; e il fatto che cose come il senso del tragico, la catarsi, il rito e la dimensione del sacro ‒ dimensioni che tutte hanno moltissimo a che fare con l’arte ‒ siano oggi così sottovalutate e ridicolizzate secondo me è parte integrante del problema."

‒ Christian Caliandro

LINK

Theodore_Gericault_La_zattera_di_Medusa_1818_19_dettaglio._Musee_du_Louvre_Parigi__1_696x391.jpg

FOTOGIORNALIMO E PENSIERO MAGICO

date » 17-03-2020 10:22

permalink » url

"L’adulto, come il bambino, continua per tutta la vita a costruirsi mentalmente mondi fantastici a cui si autoconvince di credere perché ne ha bisogno, perché ne trae piacere e conforto.
I pubblicitari lo sanno bene, e qui giocano gran parte della loro partita. Ma prima ancora l’arte ha sempre rappresentato il luogo privilegiato ed elettivo per tutto questo, mentre la fotografia di reportage, che arte non è mai stata considerata (per fortuna, aggiungiamo; fortuna per la fotografia, beninteso), questa deriva non se la poteva permettere né, soprattutto, la andava cercando.
Ora le cose stanno cambiando – che piaccia o meno – e il pensiero magico entra nel reportage: il processo dell’informazione visiva diventa: “Sono convinto (onestamente, per carità!) che le cose stiano così e così le rappresento, in un teatro della vita di cui sono più regista che testimone”."

LINK

photo © giovanni troilo

revocato_il_premio_a_giovanni_troilo_world_press_photo_studio_infocus_fotografo_roma_3.jpg

WPP 2015 E L'INIZIO DELLO STORYTELLING NEL FOTOGIORNALISMO

date » 17-03-2020 10:16

permalink » url

"Il fotografo italiano, nel corso di una lunga intervista telefonica con Michele Smargiassi di Repubblica, ha cercato di spiegare la totale trasparenza del suo operato agli occhi della giuria del WPP e ha puntato la sua linea di difese sulla differenza tra fotogiornalismo e storytelling.
Ovviamente, il dibattito su cosa sia vero fotogiornalismo e cosa rientri a pieno titolo in questa genere fotografico è completamente aperto e, è ovvio, continuerà fintantoché ci saranno fotografi disposti a raccontare storie ed avvenimenti con le loro immagini."

LINK

photo © giovanni troilo

revocato_il_premio_a_giovanni_troilo_world_press_photo_studio_infocus_fotografo_roma_2.jpg

PETER LINDBHERGH IN MOSTRA A MILANO

date » 28-02-2020 17:14

permalink » url

Ha aperto negli spazi dell’Armani/Silos di Milano la mostra "Heimat. A Sense of Belonging" dedicata al fotografo tedesco Peter Lindbergh, uno dei più celebri fotografi di moda degli ultimi 50 anni, morto a 74 anni il 4 settembre scorso.
Lamostra resta aperta fino al 4 agosto.

LINK

Schermata_2020_02_28_alle_17.13.17.png

FOTOGRAFIA EUROPEA - LE MOSTRE DEL 2020

date » 12-02-2020 18:56

permalink » url

È dedicata alla fantasia e alla creatività Fotografia Europea 2020. Questo il tema che attraverserà l’intera manifestazione fotografica di Reggio Emilia che, dal 17 aprile al 24 maggio 2020, porterà fotografi italiani (e non) nelle sedi espostive reggiane.
...
Al Teatro Valli, invece, trova casa un progetto inedito di Alex Majoli. La mostra, presentata in anteprima a Fotografia Europea, permetterà ai visitatori di scoprire spazi solitamente non aperti al pubblico.

LINK

Alex_Majoli_fotografia_europea_2020_1.jpg

UNIFORM - ESSERE E APPARIRE NELLE DIVISE DA LAVORO

date » 12-02-2020 18:52

permalink » url

La nuova mostra al MAST “Uniform Into The Work/Out Of The Work” esplora proprio questi temi attraverso oltre 600 immagini di fotografi molto diversi (come Paola Agosti, Irving Penn, Rineke Dijkstra, Sebastião Salgado, Walker Evans e molti altri), presentando e ragionando sugli abiti da lavoro, come sono cambiati nel tempo e le differenze dell’abito rispetto alla posizione occupata.
LINK

copertina.jpg

search
pages
Link
https://www.robertomasiphotos.com/diary-d

Share link on
CLOSE
loading